…qualcosa è cambiato

…qualcosa è cambiato

Eh… già già già (…yep, yep, yep – in inglese).

Ve lo ricordate Arnold di Happy Days (al secolo Al Molinaro)?
Si esprimeva con questo terzetto di ‘già’ per evidenziare, piuttosto sarcastico, la sua rassegnazione alla vita e a tutti i suoi imperscrutabili percorsi.

Ci pensavo poco fa, ricordando l’anno scorso, quando, proprio in queste settimane, stavo ultimando il mio programma di viaggio – ennesimo viaggio – negli States.
A cosa pensavo? Pensavo a quanto è cambiata la vita di noi tutti, soprattutto di noi viaggiatori.

Bloccati, fermi, sospesi e incerti sul quando e dove potremmo di nuovo riprendere il nostro peregrinare per il mondo.

Ma invece che il condizionale, voglio usare il futuro: potremo di nuovo viaggiare nel mondo.

‘Quando’ ancora non lo sappiamo, attendiamo fiduciosi che ci diano il via.

‘Dove’ però lo possiamo programmare.
Io penso al Giappone, sarà il mio prossimo viaggio importante. Per ora lo sogno e ne studio gli itinerari, così da farmi trovare pronta, con la valigia, l’immancabile mascherina e un biglietto del treno Shinkansen.

Qualcosa è cambiato, vero e ineluttabile, ma qualcosa cambierà ancora, in meglio, ne sono certa, e torneremo a vagabondare per il nostro bel pianeta, più consapevoli e più sereni.

Buon viaggio a tutti!